Ex-Cinema Aurora

LA STRATEGIA DI NOÈ

FridayFri. 13 OctoberOct. ore 18:00

event.invite.only_invite

Come adattarsi al mare che avanza

Enzo_Pranzini-Picture-1.jpeg

Enzo Pranzini

17-pancho-pardi-cropped-78.jpeg

Pancho Pardi

SergioCappucci.jpeg

Sergio Cappucci

L'erosione dei litorali, iniziata alla fine dell'800 per la riduzione dell'apporto sedimentario da parte del sistema fluviale e per la costruzione di opere marittime che impediscono alla sabbia di muoversi lungo la costa, ha ora trovato un alleato formidabile nell'innalzamento del livello del mare, che diverrà presto la causa principale dell'ingressione del mare nelle fasce costiere.

Gli scenari futuri mostrano che il nostro vivere sulle coste potrebbe venire completamente stravolto ed è urgente impostare piani di adattamento a questo fenomeno, che non potranno basarsi esclusivamente sulla difesa rigida della linea di riva, ma dovranno contemplare anche la trasformazione delle strutture presenti in prossimità del mare, nonché  il loro arretramento, nei casi in cui un'analisi sul medio-lungo periodo indicasse che questa soluzione è economicamente, socialmente ed ambientalmente più conveniente, in particolare per le generazioni future.

Queste strategie, che necessariamente saranno impostate e attuate in condizioni d'incertezza, dovranno essere estremamente flessibili e modificabili in base agli scenari che si manifesteranno e ai risultati parziali che verranno ottenuti. Interventi volti solo a procrastinare il momento in cui dovranno essere prese soluzioni drastiche (e in quel momento più costose) potrebbero dimostrarsi catastrofici, dato che potrebbero comportare la perdita di tutto quanto investito per la loro realizzazione.

Le decisioni che dovranno essere prese richiedono, non solo solide basi scientifiche, ma anche la partecipazione di cittadini consapevoli e una classe politica che guardi oltre il ritorno di un consenso immediato.

Questo non significa non dare risposte alle esigenze di oggi delle varie componenti della società, ma è indispensabile darle in modo che costituiscano anche un investimento per il futuro.

La strategia di Noè, il libro di Enzo Pranzini attorno al quale si svolgerà la discussione moderata da Pancho Pardi e con la partecipazione di Sergio Cappucci, affronta proprio questi argomenti, è stato scritto cercando di rendere il più semplice possibile un tema estremamente complesso, nella convinzione che solo una cittadinanza consapevole possa consentire, e addirittura richiedere, scelte estremamente difficili.

Il libro è stato da poco pubblicato da Manifestolibri nella collana 'Attenti ai dinosauri', pensata e curata da Luciana Castellina, e rivolta proprio ai non-specialisti con l'obiettivo di mettere a loro disposizione quelle conoscenze indispensabili per partecipare in modo attivo alla formulazione di politiche idonee ad affrontare la crisi ambientale nella quale già ci troviamo e che tocca tutti da vicino, ed in particolare i popoli e le classi sociali più deboli.

In questo contesto globale, quale ruolo e quali responsabilità hanno le politiche locali?

 

Enzo Pranzini, Docente di Dinamica e difesa dei litorali, UNIFI e Cátedra Internacional en Manejo Integrado de la Zona Costera ‘Stephen Olsen’

Francesco (Pancho) Pardi, Docente di Geografia e Urbanistica, UNIFI e Senatore nella XVI legislatura

Sergio Cappucci, ENEA, Laboratorio Tecnologie per la DInamica delle Strutture e la Prevenzione del rischio sismico e idrogeologico, 

 

IlMondoCheSiMuove-15.jpg

Ex-Cinema Aurora

Viale Ippolito Nievo, 22 Livorno(LI)